L’analisi del sangue rivoluzionaria rileva la fibromialgia

Informa gli amici sui social.
  • 4
    Shares

 

 

 

 

 

 

 

La fibromialgia è una condizione cronica che colpisce il 2-8% della popolazione mondiale e circa 4 milioni di adulti negli Stati Uniti. La maggior parte delle persone che convivono con fibromialgia sono donne.

Il dolore cronico in tutto il corpo è la caratteristica principale della fibromialgia. Tuttavia, molte persone con questa condizione spesso sperimentano una gamma più ampia di sintomi, che spesso presentano somiglianze con altre condizioni.

Il fatto che i segni e i sintomi della fibromialgia coincidano con quelli di altri disturbi rende difficile la diagnosi da parte dei medici, e spesso le persone che vivono con la fibromialgia “sono ancora costrette a sentirsi come se fossero tutte nella loro testa”.

Ma, la nuova ricerca potrebbe aver trovato un modo per rettificare questo. Gli scienziati sono riusciti a rilevare la fibromialgia nei campioni di sangue e a differenziarlo da altre condizioni simili.

Kevin Hackshaw, professore al College of Medicine della Ohio State University di Columbus e reumatologo presso il Wexner Medical Center dell’università, ha condotto la nuova ricerca.

Il Prof. Hackshaw e i suoi colleghi hanno pubblicato il loro studio sul Journal of Biological Chemistry.

Il test può essere pronto per l’uso in 5 anni

Per la loro ricerca, il Prof. Hackshaw e colleghi hanno reclutato 50 persone con una diagnosi formale di fibromialgia, 29 persone con artrite reumatoide , 19 con osteoartrosi e 23 con lupus . Queste condizioni spesso coincidono con la fibromialgia.

I ricercatori hanno analizzato campioni di sangue raccolti dai partecipanti allo studio utilizzando la ” spettroscopia vibrazionale ” , che è una tecnica che misura i legami chimici e i livelli energetici delle molecole.

L’analisi ha trovato modelli che distinguono i campioni di sangue di persone con fibromialgia da quelli che avevano disturbi correlati. Inoltre, ulteriori misurazioni spettrometriche hanno aiutato gli scienziati a prevedere con precisione le condizioni dei partecipanti in base al loro schema molecolare.

I ricercatori hanno paragonato queste firme molecolari con “impronte metaboliche” e affermano che questi risultati aiuteranno presto a sviluppare trattamenti più mirati per la fibromialgia.

Abbiamo trovato modelli metabolici chiari e riproducibili nel sangue di dozzine di pazienti con fibromialgia, il che ci porta molto più vicino a un esame del sangue di quanto non lo sia mai stato”.

Prof. Kevin Hackshaw

In realtà, il Prof. Hackshaw mira ad avere il test pronto per l’uso entro 5 anni. Luis Rodriguez-Saona, professore di scienze e tecnologie alimentari nello stato dell’Ohio e coautore dello studio, afferma che i ricercatori desiderano esaminare gruppi di 150-200 persone con ogni condizione per vedere se possono replicare i risultati in un campione di popolazione più ampio.

Ulteriori analisi potrebbero anche aiutare a identificare specifiche proteine ​​responsabili dei sintomi specifici della fibromialgia. “Possiamo esaminare alcune di queste impronte digitali e potenzialmente identificare alcune delle sostanze chimiche associate alle differenze che stiamo vedendo”, afferma il Prof. Rodriguez-Saona.

L’importanza di una diagnosi accurata

Il Prof. Hackshaw sottolinea l’importanza di ricevere un’accurata diagnosi di fibromialgia, soprattutto perché alcuni medici hanno ancora bisogno di convincere che la fibromialgia sia una condizione reale.

“La maggior parte dei medici al giorno d’oggi non si domanda se la fibromialgia sia reale, ma ci sono ancora degli scettici là fuori”, dice il prof. Hackshaw. Inoltre, alcuni medici prescrivono oppioidi alle persone con fibromialgia, che possono peggiorare la condizione e portare alla dipendenza .

Questi risultati iniziali sono notevoli: se possiamo aiutare a velocizzare la diagnosi di questi pazienti, il loro trattamento sarà migliore e probabilmente avranno prospettive migliori. Non c’è niente di peggio che essere in una zona grigia dove non sai quale malattia tu possa avere.”

Prof. Luis Rodriguez-Saona

Infine, i nuovi risultati suggeriscono anche che le impronte metaboliche possono offrire approfondimenti sulla gravità della malattia in ogni paziente. “Ciò potrebbe portare a un trattamento migliore e più diretto per i pazienti”, afferma il prof. Hackshaw.

 

L’analisi del sangue rivoluzionaria rileva la fibromialgia

Potrebbe anche interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *