Cosa sapere sulla malattia cerebrovascolare

Informa gli amici sui social.
  • 3
    Shares
La malattia cerebrovascolare si riferisce a un gruppo di condizioni che possono portare a un evento cerebrovascolare, come un ictus. Questi eventi influenzano i vasi sanguigni e l’afflusso di sangue al cervello.

Se un blocco, una malformazione o un’emorragia impediscono alle cellule cerebrali di ottenere abbastanza ossigeno, possono verificarsi danni cerebrali.

Le malattie cerebrovascolari possono svilupparsi in vari modi, tra cui trombosi venosa profonda(TVP) e aterosclerosi , dove la placca si accumula nelle arterie.

Ictus , attacco ischemico transitorio , aneurismi e malformazioni vascolari sono tutti tipi di malattie cerebrovascolari.

Altri esempi includono un restringimento o un blocco nelle arterie carotidi, intracraniche o vertebrali, noti come stenosi.

Negli Stati Uniti (USA), la malattia cerebrovascolare è la quinta causa di morte più comune . Nel 2014, ha causato 41,7 decessi per 100.000 persone, o 133.103 decessi in totale.

Ecco alcuni punti chiave sulle malattie cerebrovascolari.

  • La malattia cerebrovascolare si riferisce a un gruppo di condizioni che influenzano l’apporto di sangue al cervello
  • I primi sintomi di un attacco cerebrovascolare comprendono debolezza e difficoltà di comunicazione
  • I sintomi di un’emorragia cerebrale comprendono un improvviso, forte mal di testa
  • Un evento cerebrovascolare è un’emergenza medica e il 911 dovrebbe essere chiamato immediatamente

Sintomi

[l'aterosclerosi è un tipo di malattia cerebrovascolare]

L’aterosclerosi causa blocchi nei vasi sanguigni ed è una causa comune di ictus.

 

I segni e i sintomi della malattia cerebrovascolare o di un attacco cerebrovascolare dipendono da dove si verifica il blocco o il danno e dalla quantità di tessuto cerebrale interessato.

Eventi diversi possono avere effetti diversi, ma i segni e sintomi comuni includono:

  • un mal di testa grave e improvviso
  • paralisi di un lato (emiplegia)
  • debolezza su un lato (emiparesi)
  • confusione
  • difficoltà di comunicazione, compreso il discorso biascicato
  • perdita della metà della vista
  • perdita di equilibrio
  • perdita di conoscenza

Cos’è il FAST?

L’American Stroke Association invita il pubblico a conoscere l’ acronimo FAST come un aiuto per riconoscere i segni premonitori dell’ictus:

  • Face drooping (cedimento del viso)
  • Arm weakness (debolezza delle braccia)
  • Speech difficulty (difficoltà di parola)
  • Time to call 911 (temismo nel chiamare soccorsi)

È necessario un urgente intervento medico se qualcuno ha sintomi di un attacco cerebrovascolare, perché può avere effetti a lungo termine , come il deterioramento cognitivo e la demenza .

Le cause

La malattia cerebrovascolare si verifica per una serie di motivi.

Se il danno ai vasi sanguigni nel cervello porta ad un attacco cerebrovascolare, ci sarà poco o nessun afflusso di sangue a parti del cervello. Nessun sangue significa assenza di ossigeno e, senza ossigeno, le cellule cerebrali inizieranno a morire. Il danno al cervello è irreversibile. È necessario un aiuto di emergenza.

L’aterosclerosi è un tipo di malattia cerebrovascolare. Si verifica quando i livelli elevati di colesterolo , insieme con l’ infiammazione delle arterie del cervello, causano la formazione di colesterolo nel vaso come una placca spessa e cerosa che può restringere o bloccare il flusso sanguigno nelle arterie.

Questa placca può limitare, o ostruire completamente, il flusso di sangue al cervello. Col tempo, questo può causare un attacco cerebrovascolare, come un ictus o un attacco ischemico transitorio (TIA).

 

tipi

Alcune forme comuni di malattia cerebrovascolare sono ictus, attacco ischemico transitorio (TIA), a volte chiamato mini-ictus e emorragia subaracnoidea.

[l'aneurisma può derivare da una deformità in un vaso sanguigno]

Un aneurisma, derivante da una deformità in un vaso sanguigno, può portare ad un attacco cerebrovascolare.

Un ictus ischemico si verifica quando un vaso sanguigno che fornisce sangue al cervello viene bloccato da un coagulo di sangue o placca. Un grumo o trombo può formarsi in un’arteria già stretta. Un ictus si verifica quando la mancanza di afflusso di sangue provoca la morte delle cellule cerebrali.

Un ictus emorragico si verifica quando un vaso sanguigno in una parte del cervello diventa debole e si rompe, provocando la fuoriuscita di sangue nel cervello. Ciò mette sotto pressione il tessuto cerebrale, causando danni ai tessuti. L’emorragia può anche causare una perdita di afflusso di sangue ad altre parti del cervello.

Un aneurisma o un’emorragia subaracnoidea possono derivare da difetti nei vasi sanguigni del cervello. Se un vaso sanguigno si rompe, il flusso di sangue che segue può danneggiare le cellule cerebrali.

Un’embolia si verifica quando un coagulo si stacca da un’altra parte del corpo e viaggia fino al cervello per bloccare un’arteria più piccola. Ciò potrebbe causare un ictus embolico. Questo è più comune nelle persone che hanno aritmie , come la fibrillazione atriale .

Una lacrima nel rivestimento della carotide può portare a ictus ischemico in persone di età inferiore ai 40 anni. La lacrima fa scorrere il sangue tra gli strati dell’arteria carotide, restringendo l’arteria e riducendo il flusso di sangue al cervello.

Fattori di rischio

L’ictus è il tipo più comune di evento cerebrovascolare.

È più probabile tra i maschi di età superiore ai 65 anni, e specialmente se hanno già avuto un ictus o un parente stretto.

I fattori che aumentano il rischio di ictus e altri tipi di malattie cerebrovascolari includono:

Alcuni di questi possono essere prevenuti facendo scelte di vita salutari.

Gli stessi fattori aumentano il rischio di un aneurisma cerebrale, ma questo può accadere anche ai più giovani con un difetto congenito o dopo un trauma cranico.

La malformazione vascolare può verificarsi nel cervello durante la gravidanza.

Altri fattori di rischio includono:

  • Malattia di Moyamoya, una condizione progressiva che può portare a un blocco delle arterie carotidi e dei loro rami principali
  • angiomi venosi, che colpiscono 1 persona su 50 e raramente sanguinano o causano sintomi
  • una vena di malformazione di Galeno, una malattia arteriosa che si sviluppa durante la gestazione

Alcuni farmaci e condizioni mediche possono rendere più probabile la coagulazione del sangue e aumentare il rischio di ictus ischemico.

La terapia ormonale sostitutiva (HRT) può aumentare il rischio di un attacco in una persona che ha già aterosclerosi o malattia delle arterie carotidi.

Trattamento

Nel caso di un ictus acuto, può essere somministrato un farmaco chiamato attivatore del plasminogeno tissutale (TPA) . Questo rompe il coagulo di sangue.

La valutazione e il trattamento rapidi sono cruciali, perché alcuni farmaci per l’ictus devono essere somministrati entro un certo tempo dall’insorgenza dei sintomi.

Un’emorragia cerebrale deve essere valutata da un neurochirurgo, che può eseguire un intervento chirurgico per ridurre la pressione causata dall’emorragia.

L’endoarterectomia carotidea comporta l’incisione nell’arteria carotide e la rimozione della placca. Ciò consente al sangue di fluire di nuovo. L’arteria viene riparata con punti di sutura o un innesto.

In angioplastica carotidea e stenting, un catetere con punta a palloncino viene inserito nell’arteria. Il palloncino è gonfiato in modo che preme contro la placca, schiacciandolo piano e riaprendo l’arteria.

Un sottile tubo a maglie metalliche, o stent, è inserito all’interno dell’arteria carotide per migliorare il flusso sanguigno nelle arterie bloccate dalla placca. Lo stent aiuta a prevenire il collasso o la chiusura dell’arteria dopo che la procedura è stata completata.

Ridurre il rischio di ictus

Gli inibitori delle piastrine del sangue inclusi Aspirina , Dipiridamolo, Ticlopidina e Clopidogrel riducono il rischio di ictus prima che ciò accada. Questi possono aiutare i pazienti con una storia o un alto rischio di ictus.

Le statine sono farmaci che abbassano il colesterolo che vengono somministrati per la malattia cerebrovascolare, per ridurre il rischio di ictus ischemico.

Diagnosi

Qualsiasi evento cerebrovascolare è un’emergenza medica e il 911 deve essere contattato per la valutazione e il supporto.

[scansioni cerebrali mostrano ictus ischemico]

Una scansione del cervello può mostrare danni ai vasi sanguigni e rivelare quali aree del cervello sono interessate.

In ospedale, un medico chiederà informazioni sull’anamnesi del paziente e cercherà specifici deficit neurologici, motori e sensoriali, come cambiamenti della vista o dei campi visivi, riflessi anomali, movimenti oculari anormali, debolezza muscolare, sensazioni diminuite e altri cambiamenti .

Si può usare angiografia cerebrale, angiografia vertebrale o angiogramma carotideo. La tintura iniettata nelle arterie può rivelare eventuali coaguli e mostrare la loro dimensione e forma.

Una scansione CAT può aiutare a diagnosticare e rilevare ictus emorragici, perché può distinguere tra sangue, ossa e tessuto cerebrale. Tuttavia, non può sempre rivelare il danno da un ictus ischemico, specialmente nelle fasi iniziali.

Una scansione MRI può rilevare i colpi, anche nelle fasi iniziali.

Un elettrocardiogramma (ECG o ECG) può rilevare l’aritmia cardiaca, un fattore di rischio per ictus embolico.

Prevenzione

I modi per ridurre il rischio di malattie cerebrovascolari includono:

  • non fumare
  • regolare esercizio fisico
  • dieta povera di grassi
  • mantenere un peso sano
  • controllo della pressione sanguigna
  • abbassare il colesterolo nel sangue con dieta e farmaci se necessario

Gli individui con aritmia cardiaca dovrebbero chiedere al loro medico se dovrebbero assumere un anticoagulante per prevenire gli ictus.

L’ictus e altri eventi cerebrovascolari possono essere fatali, ma con un rapido intervento medico è possibile un recupero completo o parziale. Le persone con malattia cerebrovascolare dovrebbero seguire i consigli sullo stile di vita sano e le istruzioni del loro medico per ridurre la possibilità di un attacco.

prospettiva

Le prospettive dipendono dal tipo di evento, da quanto è grave e dalla velocità con cui viene trattato.

Una malattia cerebrovascolare può essere fatale o può portare a disabilità a lungo termine, ma alcune persone si riprenderanno completamente.

 

Trad. dall’originale da “medical News Today”

Cosa sapere sulla malattia cerebrovascolare

Potrebbe anche interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *