Gli scienziati confermano il ruolo di “interruttore molecolare” nella malattia di Parkinson

Informa gli amici sui social.
  • 4
    Shares
Gli scienziati hanno confermato che un meccanismo cellulare protettivo può essere interrotto nel cervello delle persone con malattia di Parkinson. Il meccanismo protegge le cellule dai danni causati dai mitocondri difettosi, le piccole unità di potenza che producono energia cellulare.

neuroni nella malattia di Parkinson

I ricercatori confermano che nel Parkinson, un interruttore molecolare difettoso innesca la degenerazione dei neuroni.

 

La scorsa settimana, la rivista Open Biology hapubblicato un rapporto sulle scoperte recenti .

Il morbo di Parkinson è una malattia del cervello che peggiora nel tempo. Man mano che progredisce, rende più difficile parlare e camminare, e può anche influenzare il comportamento, il sonno, il pensiero e la memoria. Altri sintomi includono affaticamento e depressione .

La malattia deriva dalla perdita di cellule produttrici di dopamina nel cervello.

La dopamina è una sostanza chimica del cervello che, tra le altre cose, aiuta a controllare la funzione motoria. Questo è il motivo per cui il movimento diventa sempre più interrotto dal momento che più cellule della dopamina smettono di funzionare o muoiono.

I sintomi si manifestano raramente nelle persone di età inferiore ai 60 anni. Tuttavia, nel 5-10% dei soggetti con Parkinson, i sintomi si verificano prima dei 50 anni.

La maggior parte delle forme di malattia di Parkinson ad esordio precoce tendono ad essere ereditate e alcune sono associate a mutazioni geniche.

Negli Stati Uniti, circa 60.000 persone apprendono di avere il Parkinson ogni anno e quasi un milione di persone nel paese vivrà con la malattia entro il 2020.

L’interruttore PINK1-Parkin funziona nel cervello

Non esiste una cura per la malattia di Parkinson e gli scienziati non sanno esattamente cosa causa la perdita o la compromissione delle cellule dopaminergiche.

La malattia deriva probabilmente da una combinazione di fattori genetici e ambientali.

La ricerca ha già dimostrato che quando un enzima chiamato PINK1 rileva i mitocondri difettosi nelle cellule, accende un altro enzima, chiamato Parkina. Ciò si traduce nello smaltimento di mitocondri difettosi e protegge le cellule.

Alcune persone con malattia di Parkinson ad esordio precoce presentano mutazioni nei geni che codificano per PINK1 e Parkin.

Prima del recente studio, non era chiaro se l’interruttore PINK1-Parkin si fosse verificato nel cervello. Inoltre, gli scienziati non erano sicuri se l’interruttore fosse stato interrotto nelle persone con malattia di Parkinson.

I ricercatori hanno quindi identificato due persone che avevano sviluppato una forma precoce di malattia di Parkinson. Testando le loro cellule, il team ha confermato che queste persone avevano una versione difettosa dell’interruttore PINK1-Parkin.

I due partecipanti avevano anche la stessa rara mutazione genetica che produce l’interruttore molecolare difettoso.

I risultati supportano il targeting farmacologico degli enzimi

Il coautore dello studio Miratul Muqit, professore alla School of Life Sciences presso l’Università di Dundee, è grato ai collaboratori che “hanno aiutato a identificare questi rari pazienti che ci hanno aiutato a rispondere alla fine a questa domanda”.

I ricercatori dell’Università di Helsinki in Finlandia hanno rintracciato un individuo e l’altro è stato identificato in uno studio organizzato dalla Michael J. Fox Foundation negli Stati Uniti.

“La probabilità di trovare pazienti rari con la mutazione critica da testare in laboratorio era di 1 su 3 miliardi”, spiega il Prof. Muqit.

La mutazione avviene in una posizione precisa del gene che codifica per Parkin e impedisce a PINK1 di essere in grado di attivare Parkin.

Il team si aspetta che lo studio stimolerà ulteriori ricerche sull’interruttore molecolare e sullo sviluppo di farmaci per attivarlo.

C’è attualmente grande interesse a indirizzare direttamente PINK1 e Parkin come potenziale terapia contro il Parkinson, e questo studio sostiene fortemente la logica di questo approccio”.

Prof. Miratul Muqit

 

Traduzione dall’originale dal Medical News Today

 

Gli scienziati confermano il ruolo di “interruttore molecolare” nella malattia di Parkinson

Potrebbe anche interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *