Le cicatrici della lesione spinale sembrano aiutare, non ostacolare, la ricrescita dei nervi

Informa gli amici sui social.
  • 65
    Shares

 

 

 

 

In un nuovo studio, i ricercatori sono rimasti sbalorditi nello scoprire che le cicatrici delle lesioni del midollo spinale potrebbero effettivamente essere d’aiuto e non ostacolare la ricrescita dei nervi attraverso il sito di lesione : lo studio suggerisce infatti  che le cicatrici potrebbero essere un ponte e non una barriera per lo sviluppo di trattamenti migliori per le lesioni del midollo spinale.

Sulla rivista Nature , il team dell’Università della California-Los Angeles spiega come ha usato i topi per dimostrare che “contrariamente al dogma prevalente”, la formazione di cellule che formano cicatrici chiamate  astrociti aiutino piuttosto che impedire la ricrescita di cellule nervose.

L’autore senior Michael V. Sofroniew, un professore di neurobiologia, rivela che i ricercatori sono stati sorpresi quando si sono resi conto che bloccare la formazione di cicatrici dopo una lesione del midollo spinale peggiorava gli esiti di questa; approfondendo lo studio si sono successivamente convinti che le cicatrici potrebbero effettivamente essere d’aiuto; l’autore ha dichiarato che:

“I nostri risultati suggeriscono che le cicatrici possono essere un ponte e non una barriera per lo sviluppo di trattamenti migliori per  le lesioni del midollo spinale”.

Ogni anno negli Stati Uniti, traumi fisici portano circa 12.500 persone a soffrire per una lesione del midollo spinale, e le stime suggeriscono che ci sono circa 276.000 americani che vivono con gli effetti a lungo termine.

L’obiettivo della ricerca sulla lesione del midollo spinale è trovare un modo per far ricrescere le connessioni attraverso il sito di lesioni, riparare il midollo spinale e ripristinare qualsiasi funzione che è stata persa.

Senza le cicatrici degli astrociti, non esiste la ricrescita degli assoni
Il nuovo studio si concentra sul ruolo degli astrociti nella ricrescita degli assoni, le lunghe estensioni filiformi delle cellule nervose che trasportano messaggi ad altre cellule nervose. Quando questi vengono tagliati nella lesione del midollo spinale, non ricrescono automaticamente e possono provocare la paralisi.

Gli astrociti sono cellule specializzate di glia o supporto che superano di cinque volte i neuroni. Quando si verifica una lesione, si affrettano verso il sito della lesione insieme alle cellule immunitarie e iniziano a formare una cicatrice. I ricercatori stanno scoprendo che gli astrociti che reagiscono in questo modo hanno accesso a un vasto arsenale di molecole; Immediatamente, quando si formano cicatrici, questi aiutano a ridurre l’ infiammazione e prevenire la diffusione di danni ai tessuti circostanti. Tuttavia, per decenni, si è pensato che a lungo termine, le cicatrici hanno ostacolato la ricrescita degli assoni.

Il prof. Sofroniew e colleghi hanno condotto esperimenti su topi per scoprire cosa succede alla ricrescita degli assoni quando le cicatrici vengono prevenute o rimosse nei siti di lesione dopo lesione spinale:

quando il Team rimuoveva le cicatrici o impediva che si formassero, scopriva che senza cicatrici da astrociti non si verificava la ricrescita degli assoni.

Successivamente è stato dimostrato che il trasferimento dei fattori di crescita al sito della lesione ha stimolato la ricrescita degli assoni attraverso le cicatrici degli astrociti, ma se si era comunque  prevenuta la formazione di cicatrici, la ricrescita degli assoni è stata significativamente inferiore.

Usando un tipo di analisi genetica chiamata sequenziamento dell’RNA, i ricercatori hanno scoperto che le cellule di astrociti e non-astrociti rilasciano una gamma di molecole che bloccano e incoraggiano la ricrescita degli assoni quando raggiungono il sito della lesione.

Il prof. Sofroniew conclude:

” Questi risultati preliminari hanno stabilito che la crescita assonale può verificarsi in presenza di cicatrici nei topi, e alla fine vorremmo vedere gli assoni rigeneranti crescere abbastanza nel tessuto sano per stabilire connessioni funzionali”.

Il team sta ora pianificando di studiare i meccanismi attraverso i quali le cicatrici degli astrociti supportano la ricrescita degli assoni e come aumentarle.

Lo studio segue un altro che la notizia medica oggi ha appreso di recente, in cui la terapia con cellule staminali ha consentito la ricrescita spinale nei ratti, compresa la rigenerazione degli assoni corticospinali.

 

 

Trad. dall’originale dal “Medical News Today”

Le cicatrici della lesione spinale sembrano aiutare, non ostacolare, la ricrescita dei nervi

Potrebbe anche interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *