Ictus dei gangli basali

Informa gli amici sui social.
  • 4
    Shares
Un ictus è un’emergenza medica che può verificarsi quando l’apporto di sangue a una parte del cervello viene interrotto o quando un vaso sanguigno nel cervello esplode e rilascia sangue nel tessuto cerebrale.

A volte, un ictus può colpire i gangli della base, che non solo aiuta a controllare il movimento motorio, ma è anche il centro messaggi del cervello.

Cos’è un ictus dei gangli basali?

Immagine del tratto

Il sangue trasporta ossigeno al cervello. Quando il flusso di sangue verso un’area del cervello è limitato o interrotto, il cervello non riceve abbastanza ossigeno. La deprivazione di ossigeno ferisce le cellule cerebrali in quell’area e muoiono di conseguenza.

Una collezione di corpi cellulari chiamati gangli basali si trova in profondità nel centro del cervello. I gangli della base fungono da centro messaggi per una serie di funzioni corporee.

Questo centro messaggi controlla quanto segue:

  • movimento
  • personalità
  • controllo muscolare
  • sensazione
  • alcuni aspetti del pensiero

Un ictus dei gangli basali è pericoloso in quanto colpisce questa importante area del cervello.

Tipi e cause

Esistono diversi tipi di ictus dei gangli della base, tutti con cause diverse. I tre tipi principali sono i seguenti:

Ictus ischemico

Questo colpo comune si verifica quando un coagulo di sangue blocca un vaso che trasporta sangue al cervello, rendendo impossibile per il sangue raggiungere il suo bersaglio. Si stima che l’ 87 percento di tutti gli ictus sia ischemico.

Ictus emorragico

Questo tipo meno comune di ictus rappresenta circa il 40% di tutti i decessi per ictus, secondo la National Stroke Association.

Questo tipo di ictus si verifica quando il sangue fuoriesce da un vaso sanguigno scoppiato, lacerato o instabile nel tessuto cerebrale. L’accumulo di sangue può creare gonfiore, pressione e, in definitiva, danni cerebrali.

Molti ictus di gangli basali sono ictus emorragici, che spesso derivano da alta pressione sanguigna incontrollata .

Attacco ischemico transitorio (TIA)

Le persone spesso descrivono questi attacchi come “mini-ictus”.

Più precisamente, un TIA indica che i sintomi di ictus si verificano per diversi minuti ma sempre meno di 24 ore. Si risolvono senza danni permanenti. Questi eventi possono essere un segnale di avvertimento che un tipo più grave di ictus potrebbe verificarsi in futuro.

Sintomi

Gli ictus hanno un insieme comune di segni e sintomi. Tutti dovrebbero essere consapevoli di ciò perché riconoscerli quando si verificano e agire potrebbe aiutare a salvare vite umane.

I sintomi tipici includono:

  • intorpidimento improvviso o debolezza del viso, del braccio o della gamba su un lato del corpo
  • confusione improvvisa, difficoltà di linguaggio o problemi cognitivi
  • un forte mal di testa
  • difficoltà a camminare e perdita di equilibrio e coordinazione
  • difficoltà visive improvvise in uno o entrambi gli occhi
  • un sorriso cadente e irregolare

Un ictus dei gangli basali ha anche alcuni segni e sintomi unici che potrebbero rendere più difficile l’identificazione rispetto ad altri tipi di ictus. Questi includono:

  • difficoltà a deglutire
  • tremori
  • muscoli deboli o molto rigidi che limitano il movimento
  • perdita di consapevolezza di un lato del corpo
  • grave apatia
  • cambiamenti di personalità

Chiunque noti questi sintomi in sé o in altri dovrebbe rivolgersi immediatamente a un medico.

Trattamento

Il trattamento per un ictus dei gangli basali dipende dal tipo di ictus e dalla velocità con cui una persona riceve assistenza medica.

Se le vittime di ictus raggiungono l’ospedale in tempo utile, potrebbero ricevere un farmaco che rompe i coaguli di sangue causando i sintomi dell’ictus.

Chi ha avuto un ictus basale emorragico potrebbe richiedere un intervento chirurgico per alleviare l’aumento di pressione. Un chirurgo può inserire un piccolo dispositivo nell’arteria aperta per chiuderlo.

fenomeni più grandi potrebbero richiedere interventi chirurgici e drenaggi più significativi.

prospettiva

Recupero del colpo

Qualsiasi tipo di ictus può essere pericoloso per la vita. Tuttavia, un intervento medico rapido può portare a un recupero migliore.

Il recupero da un ictus può essere un processo lungo. La prospettiva dopo un ictus dei gangli basali dipende principalmente dall’estensione del danno cerebrale. Se l’ictus ha solo lievemente danneggiato i gangli della base, c’è una maggiore possibilità di una buona guarigione.

Uno studio ha scoperto che le persone con danni a questa area del cervello potrebbero avere effetti duraturi .

Gli effetti duraturi da un ictus dei gangli della base possono includere:

  • Cambiamenti nella sensazione: le persone che si riprendono da un ictus dei gangli della base possono provare difficoltà nel sentire o nel riconoscere il tatto. Ciò può rendere problematico per loro monitorare e controllare i movimenti del corpo.
  • Perdita di movimento: come in tutti i tipi di ictus, un ictus dei gangli basali può causare una debolezza muscolare permanente, in particolare sul lato sinistro del corpo.
  • Avere difficoltà con l’avvio, l’arresto o il sostegno del movimento: danni a quest’area del cervello rendono difficile la regolazione del movimento.
  • Cambiamenti nella personalità: l’ictus potrebbe far ridere o piangere una persona in momenti che non sembrano avere senso per gli altri. Molte persone sperimentano anche la depressione  dopo un ictus.
  • Cambiamento di giudizio: la confusione è comune dopo un ictus, il che rende difficile prendere decisioni e pensare in modo logico.
  • Cambiamenti nel discorso: una persona che si riprende da un ictus può mescolare, dimenticare o inventare parole quando parla.

Fattori di rischio

Le persone a più alto rischio di ictus potrebbero voler adottare misure preventive per ridurre al minimo il rischio. Essere consapevoli dei fattori di rischio è quindi utile.

Le statistiche mostrano che i più grandi adulti afroamericani, nativi dell’Alaska e nativi americani hanno maggiori probabilità di avere ictus. Tuttavia, le persone di tutte le età ed etnie sono a rischio.

Ci sono anche fattori di rischio medico, che includono :

  • una storia personale o familiare di ictus
  • precedente TIA
  • alta pressione sanguigna
  • fibrillazione atriale , una condizione cardiaca in cui le camere superiori del cuore subiscono una contrazione irregolare
  • colesterolo alto
  • diabete
  • malattia dell’arteria carotidea, che è un restringimento delle arterie del collo che forniscono sangue al cervello

Prevenzione

È fondamentale continuare ad applicare specifiche misure di stile di vita per ridurre il rischio di ictus.

Queste misure includono:

Mentre non è possibile prevenire ogni singolo fattore di rischio, le persone possono iniziare a prendere provvedimenti immediatamente per ridurre la possibilità di un ictus.

 

Traduzione dall’originale dal Medical News Today

.

 

Ictus dei gangli basali

Potrebbe anche interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *